Gli acari sono ovunque soprattutto nei letti. Ma come eliminarli ed evitare allergie? In questo articolo vi suggeriamo alcuni rimedi contro questo fastidioso parassita.

Che cosa sono gli acari?

Gli acari sono una sottoclasse di aracnidi. Sono probabilmente tra i primi animali ad aver colonizzato la terraferma: il primo reperto fossile risale infatti a 290 milioni di anni fa. Si tratta di animali di piccole dimensioni (da meno di un mm fino a 3 centimetri di lunghezza), caratterizzati dalla fusione del cefalotorace con l’addome e dall’assenza di segmentazioni evidenti. Comprendono numerose specie parassite temporanee o permanenti di animali e vegetali, responsabili di infestazioni denominate acariasi.

Gli Acari presentano una notevole varietà morfologica, potendo avere un apparato boccale adatto a scavare, succhiare o pungere grazie ai cheliceri chiusi in un rostro formato dalla base dei pedipalpi allungate e saldate a tubo; possono avere zampe adatte alla corsa, al nuoto, munite di uncini o ventose per aggrapparsi al substrato; in alcuni casi sono sprovvisti di zampe, non avendo esigenze di locomozione, come il genere Linguatula. L’apparato respiratorio è atrofico e la respirazione avviene attraverso la cute molle. La riproduzione avviene generalmente con la deposizione delle uova, da cui nascono larve esapodi che, nel corso della metamorfosi verso lo stadio adulto, acquistano il quarto paio di zampe.

Un esempio particolare di ciclo vitale è quello dell’Adactylidium: la femmina, una volta fecondata, si attacca ad un uovo di tripide, da cui riceve nutrimento l’unico, visto che non potrà ottenerne altro. Le uova (da 6 a 9, di cui da 5 a 8 sono femmine) si schiudono nel corpo della madre, 48 ore dopo che essa si è attaccata all’uovo di tripide. Le larve, fuoriuscitene, in un paio di giorni raggiungono lo stadio adulto, sempre all’interno del corpo materno, a spese del quale si nutrono: a questo punto l’unico maschio feconda tutte le sorelle. Infine, bucato l’involucro esterno di quel che resta del corpo della madre, il maschio non vive che poche ore, mentre le femmine, già fecondate, vanno in cerca di un altro uovo di tripide.

Danni alla salute dell’uomo

Molte specie di acari sono causa per l’uomo di forti allergie come asma e raffreddore e si nutrono di forfora umana e polvere insediandosi nei materassi, nelle moquette o nei tappeti. Tra le specie più note, generalmente ematofagi che infestano uomini e animali insediandosi sulla cute o sotto di essa, citiamo gli Ixodida comunemente noti come zecche, le quali oltre a provocare fastidiose irritazioni cutanee, possono essere vettori di pericolose malattie.

Da non sottovalutare infine l’azione degli acari Epidermoptidi che colonizzano le abitazioni e con il genere Dermatophagoides presente nella polvere, possono causare fastidiose allergie negli umani.

Rimedi

  • Utilizzare uno Spray Antiacaro Disinfettante;
  • Utilizzare un aspirapolvere sterilizzatore
  • Areare bene la camera da letto ogni giorno
  • Lavare spesso lenzuola, federe e coperte, possibilmente a 50/60 gradi e cambiarle almeno una volta a settimana.
  • Dotarsi di materassi e cuscini che siano di ultima generazione come i materassi in lattice o memory o in waterfoam.
  • Sfoderare materasso per farlo respirare
  • Girare il materasso ogni tre mesi testa/piedi