Pfizer cede la licenza per l’accesso alla pillola anti-Covid

Il gruppo farmaceutico Pfizer, come già fatto da Merck (Msd fuori da Usa e Canada) con Mpp per il suo antivirale orale molnupiravir, ha ceduto la licenza della sua pillola anti-Covid.

L’accordo di licenza volontario ha come obiettivo quello di favorire l’accesso globale al prodotto antivirale sperimentale (PF-07321332 più ritonavir a basse dosi). Pfizer, come stabilito nell’intesa siglata con Medicines Patent Pool (Mpp), non riceverà royalty sulle vendite della pillola nei Paesi a basso reddito e in tutti quelli coperti dall’accordo. Questo almeno fino a quando il Coronavirus continuerà a essere classificato dall’Organizzazione mondiale della sanità quale emergenza di sanità pubblica di interesse internazionale.

L’accordo – spiega Pfizer in una nota – consentirà a Mpp di concedere sub-licenze a produttori qualificati di farmaci generici, in modo che la terapia possa essere fornita a prezzi accessibili a “95 Paesi, coprendo fino a circa il 53% della popolazione mondiale”.

Altri articoli

Articoli correlati

Ultimi articoli

Le 3 piante per arredare il bagno contro l’umidità

Non tutti amano arredare il bagno con le piante. Ce ne sono alcune che oltre a dare quel tocco di colore hanno il potere di...

Glicemia, per abbassare i valori che cosa è utile bere?

La glicemia è il valore della concentrazione di glucosio nel sangue. Il suo valore può essere espresso con diverse unità di misura. La normalità di...

Natale al cinema, ecco i prossimi film da vedere

In questo articolo abbiamo selezionato alcuni film da vedere al cinema in uscita a dicembre. A Natale il grande schermo diventa un appuntamento imperdibile. Ecco...