I pomodori secchi o essiccati sono un prodotto agro-alimentare ottenuto con l’essiccazione dei pomodori, in particolare con quelli di una varietà poco acquosa e dalla buccia consistente, come ad esempio i San Marzano.

Secondo la preparazione tradizionale, i pomodori vengono raccolti quando sono maturi, accuratamente puliti, tagliati a metà nel senso alla loro altezza e lasciati essiccare al sole su un telaio di legno, non prima di averli cosparsi con sale e, a seconda delle tradizioni, con polvere di peperoncino. Per agevolare il processo ed impedire che l’umidità possa inficiarlo, questi vengono ritirati al chiuso durante le ore notturne. L’essiccazione dura in genere una settimana circa, dopodiché i pomodori, completamente disidratati, vengono risciacquati e sbollentati in una soluzione di acqua e aceto col fine di sterilizzarli. Il processo può essere ottenuto alternativamente anche con un essiccatore elettrico ad aria o con un apparecchio solare.

passata di pomodoro quale scegliere al supermercato

A questo punto i pomodori essiccati vengono conservati sott’olio, con l’aggiunta di spicchi d’aglio ed eventualmente anche di menta, origano, capperi, basilico e peperoncino. Dopo una conservazione di almeno due settimane in un luogo fresco, la preparazione è pronta. I pomodori secchi vengono utilizzati di solito come contorno o all’interno di un panino imbottito.

Il metodo tradizionale

Dopo aver scelto i pomodori lavateli e asciugateli, poi metteteli ad essiccare. Dovrete ricoprirli con sale abbondante, circa 200 grammi per ogni chilo di pomodori. I metodi più facili e rapidi per essiccare i pomodori sono il forno e l’essiccatore. Tagliate i pomodori a metà per la lunghezza, metteteli sulla grata del forno o dell’essiccatore on la parte tagliata verso l’alto e cospargeteli con il sale. Nel forno vanno tenuti per circa 6 o 8 ore a 40/50 gradi. Controllate quando hanno perso l’acqua e si sono disidratati. Nell’essiccatore vanno tenuti circa 24 ore.

come pulire i pomodori secchi

Questi metodi sono semplici e non richiedono troppo impegno e sono anche quelli più sicuri dal punto di vista igienico.