Serie A. Sky si rivolge all’Antitrust per l’accordo esclusivo DAZN – Tim: “Lede la concorrenza”.

Nuova mossa di Sky dopo l’accordo in esclusiva della Lega Serie A con DAZN – Tim. La pay tv si è rivolta all’Antitrust per riequilibrare la situazione.

Ecco la nota “Sky si è rivolta all’Antitrust per essere sicura che milioni di consumatori e appassionati di calcio possano continuare a sottoscrivere la Serie A attraverso una pluralità di fornitori di broadband e guardarla sulla piattaforma che preferiscono – satellite, Dtt o Ott – esattamente come oggi”.

“Tim, retailer dominante nella banda larga, ha stipulato un accordo illegittimo di esclusiva con Dazn. Questo accordo preclude all’Ott la possibilità di distribuire il campionato di Serie A attraverso altri operatori favorendo così Tim e rafforzando la sua posizione dominante nel mercato della banda larga. In un momento cruciale di passaggio per l’Italia dalla banda standard alla banda ultra larga, questo accordo di esclusiva non deve ledere la concorrenza. Per questo Sky invita l’Antitrust ad agire con urgenza per garantire che il campionato di Serie A possa essere fruito da tutti i consumatori in condizioni che favoriscono la concorrenza e la libera scelta.”, conclude la nota.

Pronta la risposta di Tim: “resta stupita dalle preoccupazioni di Sky sulla concorrenza e la libera scelta dei clienti – spiega un comunicato dell’azienda – dopo che l’Autorità garante della concorrenza e del mercato ha accertato più volte che Sky e’ un soggetto dominante nel settore della pay tv detenendo una quota di mercato pari a circa l’80 per cento”. Ancora: “La modalità in streaming con cui gli appassionati possono vedere tutte le partite di Serie A anche per il prossimo triennio, si inserisce in un percorso avviato oramai da tempo e in cui Dazn, come Netflix, Amazon e Disney+ (e la stessa Sky con Now), rappresentano il futuro della distribuzione dei contenuti, fruibili nelle abitazioni e fuori casa con gli apparecchi tradizionali e con quelli di nuova generazione quali smartphone, computer e tablet. La diffusione di tutto il campionato di calcio in streaming rappresenta un elemento importante per la digitalizzazione del Paese, accelerando un processo di cui beneficeranno non soltanto i cittadini ma anche l’intera struttura industriale del Paese”.

“Continuare a difendere la rendita di posizione del satellitare pay avrebbe, questo sì, l’effetto di danneggiare i consumatori e ritardare l’accelerazione della transizione verso il digitale e le reti di telecomunicazioni ad alta velocità”. Tim, conclude la nota, continuera’ a distribuire i contenuti sportivi, cosi’ come ad oggi sta facendo con i contenuti Now (Sky), Eurosport (Discovery) e Dazn e con qualunque altro editore interessato alla valorizzazione dei contenuti attraverso la piattaforma Timvision”, aggiunge Tim.

Anche WindTre, concorrente di Tim, ha voluto rendere nota la propria posizione in merito “In merito al dibattito in corso sui diritti del calcio in TV, WindTre ritiene che tutti gli appassionati di questo sport abbiano il diritto di scegliere la modalità di fruizione delle partite a loro più gradita. Pertanto, le autorità nazionali dovrebbero garantire al pubblico l’esercizio di questo diritto attraverso l’affermazione della pluralità tecnologica dell’offerta, che si tratti di banda ultralarga in fibra, satellite o digitale terrestre”.